Sei Sicura che Le Scarpe del Tuo Bambino Non Gli Fanno Male e che Non Gli Creano Danni Per il Futuro?

Ti faccio questa domanda perchè negli ultimi anni è cresciuto il numero di operazioni chirurgiche ai piedi dei bambini in età compresa tra i 15/18 anni. E tutti i medici sono d’accordo nel dire che la colpa è delle scarpe che i bambini hanno indossato nei primi anni di vita.

Problemi ortopedici come “il piedi piatto”, “l’alluce valgo”, i problemi legati alla debolezza delle caviglie nascono proprio dall’aver indossato scarpe sbagliate.

Ora ti richiedo: “Sei sicura che le scarpe che metti al tuo bambino sono scarpe Buone?”

Per capire subito se puoi essere certa della tua risposta ti faccio una domanda che dovrebbe averti fatto chiunque ti ha venduto le ultime scarpe di tuo figlio:

“Quante ore al giorno indossa le scarpe il tuo bambino?”

Probabilmente MAI nessuno ti ha fatto questa domanda, pur essendo fondamentale:

  1. Se il tuo bambino indossa le scarpe per più di 3 ore al giorno le scarpe DEVONO rispettare la natura fisica del piede del bambino (devono avere la stessa forma del piede del bambino!) sennò lo costringono e lo vincolano nello sviluppo!

  2. Se invece il tuo bambino indossa le scarpe per pochissimo tempo al giorno, allora puoi comprarle anche con criteri diversi, seguendo la moda, secondo i tuoi gusti personali, etc etc. Probabilmente i danni causati da scarpe non idonee non saranno così gravi!

Sul mercato ormai trovi di tutto! Come fai a capire? A chi puoi chiedere aiuto?

C’è chi si affida al pediatra, chi si fida della nonna, chi del negoziante chi del marchio…

Tu di chi ti fidi?

Tutti (o meglio, quasi tutti) i marchi specializzati nelle scarpe primi passi e da bambini sono concordi nel sostenere che camminare sulla sabbia è il modo migliore per poter sviluppare la muscolatura del piede e il senso dell’equilibrio, nel modo migliore. E non hanno torto MA …

Io voglio farti ragionare!

  1. Tutti i pediatri dicono e parlano, ma pochi o nessuno scrive! (le scarpine Bobux hanno il marchio dei podiatri americani su ogni scatola!

  2. La Nonna comperava le scarpe 30/40 anni fa per poi dire ai suoi figli di camminare scalzi così non si consumavano le scarpe (ecco perchè duravano così tanto. Non le usavano!)

  3. Se il tuo negoziante non ti ha fatto la domanda scritta sopra, LASCIALO PERDERE!

  4. Il marchio … ovviamente tutti tirano l’acqua al loro mulino … è una trappola, non ti fidare!

Ricapitoliamo:

La scarpa deve rispettare la forma del piede e deve permettere al piede del tuo bambino di muoversi il più possibile come quando è sulla sabbia.

Purtroppo in questo caso il detto

Se Maometto non va alla montagna, allora la montagna va da Maometto, NON VALE!

infatti

Se non puoi portare tuo figlio sulla spiaggia, mettigli la sabbia nelle scarpe! NON FUNZIONA!

Per avvicinarti il più possibile a questa esperienza devi mettergli scarpe con suole molto sottili e molto flessibili in tutti i punti (non solo sulle dita del piede) per garantirgli che il piede “aggrappi” sviluppando tutta la sua muscolatura!

Per capire se la scarpa veste bene la forma del piede del tuo bambino GUARDA il piede di tuo figlio e GUARDA le scarpe …

ti dico un segreto … scoprirai che il piede di tuo figlio non è bello, ma lo diventerà quando si sarà formato. Ad una condizione: NON DEVI CONDIZIONARE IL SUO SVILUPPO!

Quindi adesso a settembre che andrai a comperare un paio di scarpe … PENSACI! Leggi gli articoli del blog www.piedisani.net, informati bene.

Ha senso oggi comperare scarpe fighissime e alla moda per un bambino piccolo (già bello di suo) per poi avere un ragazzino/ragazzina che a 16 anni va al mare sfoggiando piedi piatti o con l’alluce valgo?

Cerca il rivenditore Bobux più vicino a te e vai a vedere e a toccare con mano la differenza, provale!

PS: Pensi ancora che il plantare serva? Leggi qui!

PPS: … per non parlare del mito del supporto alla caviglia … Leggi un po’!

Mr Tiggle!

Facebooktwitter

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.