Vuoi far Addormentare Prima il Tuo Bambino?

[Vuoi aiutare il tuo Bambino ad Addormentarsi più Velocemente, senza dover ballare, camminare, cullarlo per ore, o magari uscire in macchina in piena notte?]

Quante sere insonni? Quanti chilometri hai fatto su quei pochi metri di corridoio tra la cameretta del tuo bambino e la cucina?

A 20 anni avresti mai pensato che saresti uscita alle 23.00 in tuta o in pigiama? Oggi invece ti capita di pensare di andare in giro in macchina nel cuore della notte per far addormentare il tuo bambino.

E poi, quando pensi di esserci riuscita lo prendi, lo appoggi sul letto e lui cosa fa? SI SVEGLIA!

E via, si ricomincia! Quante volte alla settimana ti capita una scena del genere?

Oggi voglio darti 2 consigli utilissimi, per migliorare le tue serate. Spero tu abbia apprezzato l’onestà, non ho detto RISOLVERE il problema, ma solo, se possibile, MIGLIORARE le tue serate.

Il primissimo consiglio è molto semplice e intuitivo. Ma siccome siamo abituati a vedere i bambini come piccoli adulti commettiamo regolarmente questo errore!

L’ho detto tante volte: IL BAMBINO NON E’ UN ADULTO IN MINIATURA!

Quante volte ti è capitato di avere in braccio in tuo bambino che dorme beatamente e quando lo metti sul letto si sveglia?

Ammettilo che hai pensato: “Che bestia di figlio che ho! Sembra lo faccia apposta!”

Purtroppo sei tu sbagli. Ma consolati è un errore estremamente facile da risolvere. Il tuo bimbo si sveglia perché lo posi in posizione supina.

La schiena del tuo bambino non ha ancora sviluppato le curve cervicale, dorsale e lombare per cui ha ancora la classica forma a “C”, non appena lo metti a pancia in su gli fai raddrizzare la schiena e lui si sveglia perché assume una posizione per lui non ancora naturale!

Prova a metterlo un po’ sul fianco rispettando la curva a “C” della schiena, vedrai che non si sveglierà più!

Schiena del neonato

[feature_box_creator style=”1″ width=”” top_margin=”” bottom_margin=”” top_padding=”” right_padding=”” bottom_padding=”” left_padding=”” alignment=”center” bg_color=”” bg_color_end=”” border_color=”” border_weight=”” border_radius=”” border_style=”” ]

Dalle fasi di sviluppo della spina dorsale del tuo bambino si vede chiaramente come sia diversa da quella di un adulto.

Solo rispettando le differenze potrai ottenere un doppio beneficio: Lui starà molto meglio e Tu dormirai di più!

[/feature_box_creator]

 

Sono Partito dalla fine perché era più facile, ma ovviamente per mettere in pratica questo consiglio hai bisogno che tuo figlio dorma. Come fare per aiutarlo a rilassarsi e quindi a dormire?

Mai sentito parlare del MASSAGGIO?

Non voglio farti un trattato sul massaggio infantile, ma ti posso dire che ci sono tanti tipi di massaggi, con tanti tipi di risultati diversi.

Il massaggio alla pancia per aiutarlo a mandare fuori l’aria, massaggio alla schiena per rilassarlo, massaggio alle braccia e alle gambe per alleviare le tensioni.

Se escludiamo il massaggio alla pancia che ha una funziona “meccanica” specifica, tutti gli altri servono a rilassarlo. Ma siamo sicuri che abbia bisogno di rilassare la schiena? Le braccia? Le gambe?

Se parliamo di bambini che fanno fatica ad addormentarsi probabilmente sono ancora piccolini, per cui non credo che abbiano camminato, corso, portato persi, etc etc tutte azioni che facciamo noi per cui questi massaggi sarebbero utilissimi e apprezzatissimi!

Ma cosa ha fatto il tuo bambino, dove ha bisogno di essere massaggiato?

Il tuo bambino ha mangiato, ha bevuto, tutto il suo sforzo è concentrato nella crescita. Sono gli organi interni che hanno lavorato come matti! Sono loro che devono essere massaggiati!

Il problema è COME massaggiare gli organi interni!

Hai mai sentito parlare della RIFLESSOLOGIA PLANTARE?

ima_riflessologia

[feature_box_creator style=”1″ width=”” top_margin=”” bottom_margin=”” top_padding=”” right_padding=”” bottom_padding=”” left_padding=”” alignment=”center” bg_color=”” bg_color_end=”” border_color=”” border_weight=”” border_radius=”” border_style=”” ]

Guarda la corrispondenza tra i punti dei piede e gli organi interni. Massaggiando la pianta del piede gli darai un benessere completo e profondo. Provalo, tuo figlio ti ringrazierà!

[/feature_box_creator]

Nei piedi arrivano circa 200.000 terminazioni nervose che riflettono tutte le parti del corpo (organi, ghiandole, ecc..). Massaggiando i piedi dei bambini, quindi, puoi agire sull’organo corrispondente al riflesso

Questo tipo di massaggio può aiutare ad alleviare il dolore e le tensioni, a rinvigorire il corpo e a stimolare la circolazione sanguigna. Il massaggio plantare è utile in presenza di crisi di pianto, di disturbi intestinali e di insonnia.

Il tuo massaggio alla pianta del piede consente al tuo bambino di rilassarsi, di eliminare le tossine e anche i gas intestinali.

Questo tipo di massaggio ha ottenuto ottimi risultati anche nel trattamento di atrofie muscolari, polmoniti e coliche.

La riflessologia plantare è indicata nei bambini fin dai primi giorni di vita e può essere praticata in diversi momenti della giornata: quando si veste il bambino, quando lo si cambia, quando lo si nutre, ecc.. Il momento migliore, però, per fare un bel massaggio al bambino è subito dopo il bagnetto.

COME FARE IL MASSAGGIO?

massaggio-neonatale-e1421753559218

[feature_box_creator style=”1″ width=”” top_margin=”” bottom_margin=”” top_padding=”” right_padding=”” bottom_padding=”” left_padding=”” alignment=”center” bg_color=”” bg_color_end=”” border_color=”” border_weight=”” border_radius=”” border_style=”” ]

Crea un momento intimo con il tuo bambino, fa che diventi una piacevole routine per lui e un appuntamento speciale per te. Il massaggio ai piedi è un gioco di complicità tra la mamma e il suo bambino. Saperlo gestire garantisce risultati davvero sorprendenti! Provalo anche tu.

[/feature_box_creator]

Prepara una stanza che sia calda, senza luci troppo forti, non accendere la televisione, più attenzione dedichi al tuo bambino più il massaggio avrà effetto.

Inizia a massaggiare le dita dei piedi con tocchi morbidi e delicati, premendo dolcemente su ogni dito: dall’alluce al mignolo e dal mignolo all’alluce. Puoi procedere dalla base delle dita per poi risalire verso la punta.

Passa poi alla pianta del piede ed il tallone con movimenti circolari dall’esterno verso l’interno per favorire la circolazione sanguigna.

La cosa importante è ricordarsi che è un momento di intimità tra te e il tuo bambino. Dedicagli questo tempo, ascoltalo, parlagli, guardalo. Lui si rilasserà e per ringraziarti si addormenterà prima e meglio!

P.S. Ricordati che la pressione sulla pianta del piede deve sempre essere delicata.

P.P.S. Se noti che un particolare movimento che fai non è gradito dal tuo bambino, non ripeterlo. Lui sa molto bene cosa gli piace e cosa no!

P.P.P.S. Questi momenti di intimità creano la base del vostro rapporto per il futuro, per cui considerali un investimento per il tuo futuro!

Sapevi già queste cose? Le mettevi già in pratica?

Oppure sono state delle belle sorprese?

Scrivici la tua esperienza e condividi questo articolo se l’hai trovato utile o interessante!

Alla prossima,

Mr Tiggle.

[social_sharing style=”style-9″ fb_like_url=” http://piedinifelici.com/?p=849″ fb_color=”light” fb_lang=”it_IT” fb_text=”like” fb_button_text=”Share” tw_lang=”it” tw_url=” http://piedinifelici.com/?p=849″ tw_button_text=”Share” g_url=” http://piedinifelici.com/?p=849″ g_lang=”it” g_button_text=”Share” alignment=”center”]

Facebooktwitter

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.